In maschera a deglutir sassi


La trasparenza delle mani, le vene e le chiazze più scure pittogrammi che il trascorrere del tempo ha lasciato sulla tua pelle. Lo scheletro che affiora dal corpo attraverso le nocche sporgenti e ossute sembra dirmi di aver già intrapreso il viaggio per l’ultimo incontro. Penso a quanto hanno vissuto le tue mani, quante cose e sensazioni hanno trasmesso ai tuoi ricordi e ai miei.  Parliamo e leggo la tua paura  nei gesti, la mano destra ha il colore livido del sangue che fatica a scorrere. Le tue mani tra le mie, una calda, questa più fredda che fatica a stringere la presa. Cerco parole per risollevarti dallo smarrimento che provi nel sentire che quella mano non riuscirai ad usarla per i tuoi lavori a maglia o di cucito. Attraverso te comprendo quanto sia necessario poter realizzare per sentirsi ancora vivi e quest’importanza spaventa anche me. Cerco di trovare altri argomenti, sento che ne hai bisogno, che ne abbiamo bisogno. Una parola dopo l’altra e poco a poco si asciugano le lacrime affacciate ai tuoi occhi, ritorna il sorriso: “Riesci sempre a farmi sorridere anche se non ne ho voglia”. Ti saluto che sei a letto “Ciao nonna, buon compleanno”. Novantotto anni e un po’ sentirli…

Informazioni su unuomodipocheparole

uno così, un po' muto
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a In maschera a deglutir sassi

  1. Crimisia ha detto:

    Senti, la pianti? prima i fiori, poi questo.
    E checcavoolo. lo dissi e lo ridico, ho un personaggio da difendere.
    Pigi in punti fragili di ricordi che mi si annienta l’anima

  2. impromptus ha detto:

    Abbiamo tutto l’inverno per ricomporne i pezzi..

  3. amorenuragico ha detto:

    mi commuove la tenerezza che provi. dolce prova della sconfitta del cinismo universale!

  4. BloodOfPandora ha detto:

    è una carezza [lenta su quelle rughe]

  5. impromptus ha detto:

    Amorenuragico: Un vestito non si può sconfiggere finché c’è qualcuno disposto ad indossarlo come una corazza..

    BloodOfPandora: le carezze fanno diventare le rughe parte di sorrisi

  6. sweetbabyblue ha detto:

    splendida e sentita descrizione..come sempre del resto. Ero lì con te.
    sweet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...