Sequenze


Alti e bassi tutto sembra normale

ma se mi allontano un poco e mi guardo

vedo solo impercettibili variazioni nel mio precipitare

Informazioni su unuomodipocheparole

uno così, un po' muto
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sequenze

  1. aridela ha detto:

    Continuando a precipitare ?

    A me capita di rivedere in sequenza ripetitiva l’attimo della caduta.
    Con sottili differenze, certo, ma sempre l’attimo in sè.
    Poi il precipitare.
    Poi di nuovo sono in piedi e cado.
    E poi il precipitare…
    E non finisce mai un loop vertiginoso di abissi senza fondo e suoli pericolanti.
    Sembra l’eco di una risposta che non vuoi sentire.
    O di un fondo che non si vuol toccare.

    Bellissimo Trainspotting.

  2. impromptus ha detto:

    Gia’, quando precipiti dopo poco raggiungi una velocita’ costante, una sorta di immobilita’ apparente. A questo punto puoi distrarti come vuoi e far finta che tutto sia fermo. Puoi far passare il tempo anche con cose divertenti o insensate.
    Se pero’ sposti il punto di vista ti accorgi che non e’ cosi’, che non sei fermo, che non migliori e non peggiori sensibilmente le cose o il tuo stato.

    Io precipito a velocita’ folle verso il nulla e quello che faccio visto come in un cambio di sequenza cinematografica sembra essere davvero solo un annaspare.

    P.S.: C’e’ anche una parte nel film l’odio dove si parla di caduta (quando sono in collina davanti alla Tour Eiffel)

  3. aridela ha detto:

    A questo punto puoi distrarti come vuoi e far finta che tutto sia fermo. Puoi far passare il tempo anche con cose divertenti o insensate.

    ^^… sì, e ti dimentichi pure che stai precipitando, così… l’attimo della stasi data dall’iperdinamismo.
    Un attimo.
    Poi annaspi ancora…
    Tu le vedi le mani, proprio in alto, mani che avrebbero voluto afferrarti ? Che si allontanano sempre di più diventando puntolini chiari…
    Che non sono per forza mani altrui, magari sono le tue, di quella parte di te che vorrebbe preservarti…
    Io le vedo, a volte.
    A volte le vorrei toccare, altre le ignoro.

    Parli del film “L’Odio”, o sempre di Trainspotting ?
    Non li rivedo da parecchio e non ricordo la scena che dici.
    L’Odio mi colpì molto, sì…
    L’Odio genera Odio…

  4. impromptus ha detto:

    nessuno salva nessuno dal dipingersi un inferno su misura

    sì, era “l’odio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...