San Valentino e la stanza che guarda


Sarà anche una fatalità trovarmi qui anche oggi ma, non troppo, anche le cose si accorgono e mi parlano di quello che manca in questo quadro.

Mi parlano di un uomo che va e viene dalla stanza 745, come l’orario di arrivo dell’autista, dell’uomo che si alza in silenzio, apre la finestra, respira e guarda il mare. Poi che muto entra in bagno e muto ne esce, mentre si fa la doccia canticchia, una volta uscito, si veste, prende il computer ed esce.

Il silenzio è tanto più evidente mentre sono qui, non ci sono parole, telefonate, né corpi né ombre ad abitare questo spazio. In questa stanza d’albergo che vorrebbe essere intimità ma non è, ci sto io a chiedermi dove e quando sia finita.

Informazioni su unuomodipocheparole

uno così, un po' muto
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a San Valentino e la stanza che guarda

  1. lala76marea ha detto:

    ma che pensavi di farci con 4 posti letto a san valentino?? delfino curioso 🙂

  2. lala76marea ha detto:

    uno l’hai riempito… c’eri tu 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...